L'OLFATTO DEL GATTO

 

L'olfatto forse č il senso meno raffinato del gatto ma non per questo meno sofisticato: il gatto dispone di circa 200 milioni di cellule olfattive, mentre l'uomo ne ha soltanto 5 milioni. 

Viene usato non solo per scegliere i pasti ma anche nella comunicazione sociale infatti tra le attivitą di "annusamento" c'č la funzione che permette al maschio di captare i feromoni sessuali prodotti da una femmina in calore responsabili di importanti di comunicazione a basso livello di coscienza. Questa particolare funzione č dovuta ad un organo detto "di Jacobson" o organo vomero-nasaledi cui l'uomo č privo che si trova nel dorso del palato.

Attraverso il leccamento i gatti si riconoscono e rinsaldano i rapporti sociali e sessuali. Importante sono le delicate e infinite leccate che la mamma da ai suoi gattini al fine di creare un legame sociale infondendo in loro "l'odore" del gruppo a cui appartengono.

Le femmine in calore segnalano ai maschi la disponibilitą all'accoppiamento attraverso l'odore delle zone genitali mentre i maschi marcano la loro presenza sul territorio con l'emissione di urina fortemente odorosa.

La produzione di segnali odorosi avviane con le secrezioni di ghiandole sudoripare e sebacee poste tra i cuscinetti digitali, vicino alle labbra (da cui il caratteristico sfregamento della testa sulle nostre gambe che non deve essere confuso con un semplice gesto di tenerezza!), all'angolo del mento, attorno ai capezzoli, alla zona perianale, al prepuzio maschile e nella parte superiore della coda. 

Fondamentalmente la comunicazione olfattiva avviene per il possesso del territorio e quindi appartenenza ad un gruppo e nell'ambito della riproduzione come segno di recettivitą sessuale. 

Per facilitare queste vie di comunicazione molto importanti, l'emissione avviene sempre in ambiti posti. in alto e ben visibili, fonti di infinite lotte territoriali.

ANATOMIA

© DR Marco Benedet  marco@gattiandcats.it  
All Rights Reserved